Connect
To Top

Video Itinerario sui Monti della Tolfa: dal Castello sul mare, alla Farnesiana, fino al lago di Bracciano

In moto, alla scoperta di luoghi poco noti lungo uno degli itinerari più belli dell’alto Lazio: dal Castello di Santa Severa al lago di Bracciano, passando per Tolfa, Allumiere, e il borgo della Farnesiana. Info stradali, mappa, curiosità e i consigli per mangiare

[divider]

Tantissime curve su cui divertirsi alla guida, antichi manieri sul mare, borghi medievali disabitati e misteriose chiese gotiche perse nel nulla: questi gli ingredienti di un percorso appassionante, in grado di coniugare il divertimento in sella ai piaceri della tavola, grazie ad un territorio ricco e generoso, tutto da scoprire.

Dopo il Video, qualche indicazione più precisa sulle strade da percorrere e sulle soste (anche a tavola) da non mancare.

Schiacciate play e buona visione!

[divider]

Info e Itinerario

Abbiamo scelto come punto di partenza di questo giro il Castello di Santa Severa, maniero del 1400 affacciato sul mare, che sorge su un’importante area archeologica abitata sin dai tempi degli antichi etruschi. Un luogo suggestivo e affascinante, l’ideale – in ogni stagione dell’anno – per godersi il blu del mediterraneo che si fonde all’azzurro del cielo, durante le belle giornate di sole. Passeggiando attorno alle mura, potrete scoprire infiniti angoli suggestivi su cui fare il pieno di energie prima di affrontare le prime splendide curve della giornata.

E a proposito di curve, subito dopo aver percorso il viale alberato che dal Castello giunge alla SS1 Aurelia, si dovrà svoltare a sinistra in direzione Civitavecchia-santa Marinella e, poco dopo, seguire prima le indicazioni (sulla destra) per Autostrada A12 Roma-Civitavecchia e poi quelle (sulla sinistra) per Tolfa. Da qui parte un percorso affascinante e curvosissimo “ad alto godimento”, che si arrampica sui monti attraverso gli scenari suggestivi della maremma laziale, tra prati silenziosi e animali al pascolo (meglio fare attenzione quando si affrontano curve cieche). Alla fine di tanto divertimento si giunge trionfanti nella piazzetta di Tolfa. Parcheggiate la moto e godetevi l’incredibile panorama, magari cedendo ai profumi che arrivano dal chiosco della Porchetta che trovate sempre lì, fisso, tutti i week-end.

Tornati in sella, da Tolfa si seguono le indicazioni per la vicina Allumiere, piacevole cittadina immersa nel verde, che si raggiunge percorrendo un curvoso nastro d’asfalto nei boschi. Da qui, raggiunto il Centro Abitato, si prosegue attraverso viale Garibaldi, via Roma e poi – partendo dalla piazza principale – via Klitsche per raggiungere il Borgo della Farnesiana. Si dovranno seguire dapprima le indicazioni per il cimitero, poi quelle via via più frequenti per “tenuta della Farnesiana”. Si prosegue su asfalto fino al bivio che introduce alla stradina in terra battuta che conduce al Borgo (ben evidenziato con le indicazioni “Borgo della Farnesiana – Chiesa dell’immacolata Concezione“. Svoltate senza timore (è percorribile, andando tranquilli, con qualunque genere di moto), e proseguite finché non scorgete il Borgo con il grande stagno antistante e la struttura neogotica della Chiesa dell’immacolata.

A questo punto non rimane altro da fare che parcheggiare e, dopo gli scatti di rito, andare alla scoperta del borgo disabitato, approfittandone – magari – anche per una visita alla famosa Azienda Agrituristica “La farnesiana”, dove acquistare carni, salumi e prodotti dal sapore genuino di una volta. Ma se volete provare un’esperienza culinaria memorabile, prenotate e fermatevi per ilpranzo: poca spesa, tanta resa (Tel. 0766.841094/5 – 348.3415044).

[box type=”shadow” align=”alignleft” width=”600″ ]

Borgo della Farnesiana Chiesa dell’Immacolata

Nato intorno al 1.500 per volere di Papa III Farnese, al fine di ospitare le famiglie dei minatori durante gli anni d’oro delle miniere di Allume, il suggestivo Borgo della Farnesiana è oggi un insieme di ruderi disabitati in prossimità della Tenuta Agricola “La farnesiana”, oggi divenuta proprietaria anche della Chiesa neogotica dell’Immacolata Concezione, un tempo Santa Maria della Farnesiana, costruita nel 1836 sul perimetro della vecchia chiesetta antistante il borgo.

[/box]

Si prosegue a ritroso fino a tornare nuovamente a Tolfa, questa volta per arrampicarsi alla scoperta del borgo antico, tra le mille sfumature dei viottoli acciottolati e autentiche meraviglie, come la torre dell’orologio e la panoramica Rocca Frangipane, che dall’alto spazia sui monti e le vallate circostanti. Tornati in sella, si prosegue in direzione Manziana per le ultime, divertenti curve della giornata che ci porteranno a lambire le placide acque del lago di Bracciano, alle porte della Capitale, punto d’arrivo dell’itinerario.

[box type=”shadow” align=”alignleft” width=”610″ ]

La moto utilizzata

Viaggiatrice all-arounder, perfetta per ogni percorso, la BMW F 800 GS è una delle poche Enduro-Stradali per le quali, la parola “enduro”, non sta lì per caso. Efficacissima su strada, dove mette in campo un comportamento neutro ed equilibrato, in grado di far divertire anche sui percorsi guidati nonostante la ruota da 21” all’anteriore, si dimostra capace di affrontare in scioltezza anche percorsi off-road, dove molte altre “tutto-terreno” sono costrette invece a fermarsi. Una vera moto totale, perfetta compagna di “gioco” per i Riders più avventurosi. Trovate QUI la prova completa di questo modello.

[/box] [box type=”shadow” align=”alignleft” width=”610″ ]

Abbigliamento Tecnico Utilizzato

  • CASCO: X-LITE X-702 (integrale di fascia alta, dotato di incredibile comfort e leggerezza, è la soluzione ideale per l’utilizzo Sport-Touring, ma anche per gli spostamenti quotidiani in città. Caratterizzato da un’elevata qualità costruttiva, garantisce standard di sicurezza al Top della categoria);
  • GIUBBOTTO: IXON Oxygen (perfetto per l’utilizzo estivo, grazie all’efficace impianto di aerazione, si trasforma in un perfetto 4 stagioni una volta inserita l’imbottitura. Un capo polivalente, buono per ogni uso, che combina elevata vestibilità a buone doti di protettività)
  • GUANTI: IXON RS Rain HP (dal taglio corto, e dotati di un’efficace impermeabilizzazione e resistenza, sono l’ideale per proteggere le mani nell’uso “touring” soprattutto durante le stagioni intermedie)
  • STIVALI: STYLMARTIN Street Carbon (in pelle pieno fiore idrorepellente, questi stivali touring, dal taglio sportivo, si rivolgono al motociclista che non rinuncia ad uno stile sprint anche nelle “scorribande” su strada. Massimo comfort e sicurezza grazie all’elevata cura costruttiva e alle protezioni che “tutelano” con efficacia le zone più esposte del piede in caso di caduta.
[/box]

8 Comments

  1. Giordano

    2013/03/12 at 11:56 AM

    Abito a Civitavecchia. Percorso fatto in moto migliaia di volte, bellissimo giro. Anche la strada che sale da civitavecchia merita. Però il borgo e la chiesa fuori allumiere mi mancavano. Toccherà tandarci 🙂

  2. Moreno

    2013/03/12 at 12:46 PM

    Da provare assolutamente

  3. Francesco B

    2013/03/12 at 2:46 PM

    Ho mangiato nel posto segnalato……pagati 22 EURO. Tutto abbondante e superbuono…..la carne poi non ne parliamo, gli animali sono d allevamento proprio. SPETTACOLO

  4. Michele

    2013/03/13 at 6:57 AM

    Mi piace!!! 🙂

  5. Athos

    2013/03/17 at 1:10 PM

    appena passa questo schifo di freddo lo faccio

  6. Tazio

    2013/03/19 at 11:43 PM

    Io ho la guida itineriders e questo pezzo l’ho già fatto. Bellissimo. Prossima tappa l’itinerario a città di castello. Speriamo presto 🙂

  7. Mr D

    2013/03/20 at 10:51 AM

    Tazio, vedrai che non rimarrai deluso… soprattutto il tratto da Apecchio a Città di Castello, passando per Bocca Serriola, è di quelli che si fanno ricordare. Ma anche il resto non è da meno. Facci sapere 🙂

  8. Luna

    2013/03/21 at 2:56 PM

    MITICI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in itinerari