Connect
To Top

SBK 2013: divorzio tra Ducati e Althea… quali i motovi?

Annata di “divorzi” per la casa di Borgo Panigale. Dopo la chiusura della relazione difficile con Rossi in MotoGP, termina anche l’avventura viceversa ricca di soddisfazioni con il Team Althea in Superbike.

In sintesi estrema, dopo aver letto dichiarazioni incrociate di ambo le parti, il problema nel mancato raggiungimento dell’accordo sembrerebbe essere di natura economica, con un secco “No” di Genesio Bevilacqua, Team Manager Althea, alla proposta Ducati di correre il mondiale 2013 con un solo pilota, lasciando di fatto a casa Davide Giugliano. Ecco un suo virgolettato su Facebook:

[quote]”Vi dirò solo quello che conta per me: avrei potuto continuare comodamente con Ducati e loro con me, con Carlos confermato e budget per lui stanziato già, ma mi chiedono di mollare Giugliano, non c’è spazio per lui…. per i soliti motivi di soldi. Davide rappresenta per me e la mia squadra proprio quel motociclismo che noi amiamo sincero istintivo e forte senza compromessi. Lui ha imparato ad essere un professionista con noi ed è oggi una realta’ internazionale.“[/quote]

Parole che fanno effetto, e che lascerebbero intendere come la questione sia tutta al loro interno.

Ma ne siamo certi? Tra le tante opinioni più o meno autorevoli circolate nelle ultime 24 ore su questa vicenda, a colpire è un particolare punto di vista espresso da Ernesto Emmi – grande conoscitore della SuperBike – sulle pagine di GPOne: e se dietro tutta questa manovra si nascondesse la volontà di Ducati di “mollare” la SuperBike? Il motivo addotto da Emmi è semplice ed in effetti ha un senso logico: la Panigale, a partire da Bayliss, per finire a Checa, sembra non convincere fino in fondo, al punto da risultare più lenta della vecchia (e gloriosa, ndA) 1098. Una moto che, per diventare effettivamente competitiva, necessiterebbe di un dispendioso sviluppo, un aggravio di costi imprevisto da non sottovalutare alla luce dell’impegno MotoGP del prossimo anno con ben 4 moto praticamente ufficiali. Oltre alla Panigale, sottolinea Emmi, a rendere l’ipotesi convergente verso la realtà, anche il passaggio della Infront nelle mani della Dorna, che interrompe (o attenua) di fatto, il forte legame tra Ducati e i Fratelli Flamini nel Campionato delle Derivate

Questa l’ipotesi più suggestiva. C’è anche da dire, però, che in Ducati assicurano la presenza di Checa (che ha giù un contratto con la Casa Bolognese per il 2013) in sella alla Panigale nella prossima stagione, sottolineando che tutto verrà chiarito nei prossimi giorni con un comunicato ufficiale. Da più parti, a questo punto, si ipotizza il ritorno al Team ufficiale, magari con Tardozzi al timone dopo la tiepida esperienza BMW. In caso di Team semiufficiali, invece,si potrebbe ipotizzare una Panigale ParkinGo, o addirittura targata “Batta” (visto che Francis, e la moglie Patricia, hanno una gran voglia di tornare a correre nel Circus).

E in merito al Team Althea? Continuerà la sua avventura anche nel 2013? Genesio Bevilacqua assicura di sì. E, visti i numerosi feedback già ricevuti, a quanto pare potrebbe essere un prosieguo in grande stile… rimaniamo in attesa di aggiornamenti!


1 Comment

  1. Pingback: SuperBike 2013: salutata Althea, Ducati al via con Checa per la prossima stagione! | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in SuperBike