Connect
To Top

Mercato Moto: chi l’ha detto che “piccolo” è donna? Perché accontentarsi di piccole cilindrate o di moto “tranquille”?

Sono una Donna, ho una Ninja, e me ne vanto!

(Articolo di SARA SARTORI)

Be’, per una ragazza di ventidue anni, minuta come te, l’ideale sarebbe un Van Van 125. Se mi dici, però, che hai già avuto esperienza con una Ninja 250, già una bella moto, possiamo azzardare un Monster 696. Assolutamente non di più. Sei una donna ed è uno dei pochi modelli adatti a te.

Questa l’opinione di un venditore che ho incontrato nella mia ricerca di una 600 supersportiva. Ma forse le case costruttrici non la pensano esattamente così. Già, perché se stiamo bene a guardare il mercato, è pieno zeppo di due ruote adatte a  quello che ci si ostina a chiamare “gentil sesso”. Su strada, poi, incontri ormai motocicliste in sella ai modelli più disparati, dimostrazione che anche per loro non esistono più certi “paletti”. Oggettivamente la questione è particolarmente delicata.

Sportiva, custom, turistica, che importa. Non è forse vero che la scelta dovrebbe ricadere sul giusto compromesso tra potenza, maneggevolezza e facilità di utilizzo? Almeno per i primi tempi, s’intende. Ci sono dati tecnici e caratteri del mezzo che bisogna necessariamente considerare. L’altezza della sella ad esempio, o il peso del veicolo, fondamentali per l’equilibrio del conducente soprattutto da fermo. Yamaha R6, come ad esempio anche Suzuki GSR 750, non sono molto alte e hanno un peso che si aggira intorno ai 170 Chili, la prima, e 200 la seconda… tutto sommato in linea con le “piccole” che tanto vogliono affibbiare a noi donne. Ma parliamo di potenza: una 123 Cavalli circa, e l’altra 106. Notevoli per una neofita, ma comunque “possibili” e addomesticabili con il buon senso. Accortezza, e un buon insegnante, completerebbero alla perfezione il veloce apprendistato di una centaura provetta… esattamente come per un uomo!

Con un po’ di esperienza in più, tutto poi diventa fattibile. Approdare alle mille, come anche alle seicento dopo una bella gavetta con le cilindrate minori, è assolutamente alla portata di tutte! Mie care donne… scegliete, quindi, con la testa e con il cuore il vostro destriero. Non badate alle dicerie o alla famosa frase “adatta a un pubblico femminile“.

La moto è passione. Passione vera. Quella che senti nella pancia… altro che farfalle. Quella che ti spinge al limite, laddove è possibile, senza paura, nessuna incertezza. Solo voglia di vivere il proprio mezzo.

Sicuramente qualche differenza tra uomini e donne c’è… ma quale, se non qualche centimetro d’altezza e qualche chilo di peso in meno? Possiamo parlare anche di un filo d’incoscienza in meno, però, no? Questa nostra prudenza è una grandissima dote. Ci rende più attente, sicure di noi, precise, e pronte a dimostrare quanto valiamo non solo tra fornelli e pannolini.

Donzelle, concedetevi un bel GSX-R o una Brutale o un Multistrada (se riuscite a poggiare i piedi per terra, perché no?). E se i vostri uomini avranno qualcosa da ridire, mostratevi sicure, e rendeteli orgogliosi di avere al proprio fianco una vera Donna Motociclista. Mi raccomando, soprattutto, vivete ogni momento al massimo e divertitevi sempre. È la nostra vita, e non c’è modo migliore di viverla se non in moto!


4 Comments

  1. pix93

    2012/10/23 at 3:24 PM

    quel rivenditore si vede che ha poca materia grigia…
    devo dire, che a parer mio, trovo molto sexy le donne che guidano moto potenti… soprattutto se Custom!

    non potrei sopportare l’idea di avere una ragazza che o non va in moto o guida magari cc piccole perchè ha paure… ma per piacere! 😐

  2. mcguolo

    2012/10/30 at 11:37 AM

    Che frase assurdamente sessista quella del venditore. Un 696 ma assolutamente niente di più perché sei donna.
    A me a qualcuno verrebbe da dire: “Un ninja 600 per te, ma assolutamente niente di più perché per strada sei un cretino”. E poi comprano i milloni e fanno sorpassi da ritiro patente.
    A me non “piacciono” le cilindrate grosse e l’andamento del mercato che si spinge su moto sempre più potenti (ma un 400 bicilindrico lo possono avere solo in giappone? Qua da noi sei un motociclista vero solo se hai almeno 150cv?), ma che ognuno si compri quello che vuole, se è in grado di gestirlo con sufficiente materia grigia.
    Che poi la mania di consigliare il monster non la capisco. Che sia un modello “da donna” è solo una leggenda, imho.

  3. Pingback: Le 10 moto più adatte alle donne secondo PianetaRiders.IT | Pianeta Riders

  4. Sara Sartori

    2013/01/15 at 4:43 PM

    Un pò in ritardo, mi accorgo ora di questo commento esemplare..Pienamente d’accordocon te!!!!
    Ti consigli di leggere anche questo articolo:
    http://www.pianetariders.it/2013/01/le-10-moto-piu-adatte-alle-donne-secondo-pianetariders-it/28452/comment-page-1#comment-12385

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in vita da riders