Connect
To Top

Chiude la Tomos. Azienda di motorini dell’Ex Jugoslavia, produttrice dei mitici A3 e Colibrì

Lo ha deciso HIDRA, società che ne deteneva il pacchetto azionario. Famosa in Italia negli anni ’80 per il ciclomotore A3 “Silver Bullet” e il Colibrì disegnato da Giorgio Giugiaro.

La Tovarna Motorni Sezana (fabbirca Motocicli Sesana), conosciuta come Tomos, forse non dirà molto ai Riders più giovani, ma a chi ha vissuto l’epopea dei ciclomotori degli anni ’80 evocherà sicuramente bei ricordi. Erano gli anni del Si, del Bravo e del Ciao della Piaggio, dei “tuboni” come i Malaguti Fifty, e poi c’era la Tomos con i suoi A3 “Silver Bullit”.

L’Azienda, situata a Capodistria, nella allora Ex-Yugoslavia, affonda le sue radici negli anni ’50, e piano piano si era saputa costruire una sua fetta di estimatori anche in italia. Tanti i modelli di successo fino agli anni ’80, anche grazie a prodotti particolarmente azzeccati, come appunto l’A3, un mezzo economico, facile da guidare, robusto (per quanto venisse messo a dura prova dai 14enni dell’epoca), con telaio in lamiera stampata e motore 2t con avviamento a “pedalata”. Per molti il primo “motorino” con cui andare a scuola o pavoneggiarsi con gli amici in sala giochi. Seguì poi, sempre in quel decennio, il lancio del Colibrì, mezzo dalle linee più ricercate, firmato da Giorgio Giugiaro.

L’azienda chiude ora i battenti, ma non perché fosse in crisi, solo per scelte strategiche, con i 60 dipendeti assorbiti dall’azienda madre. Ciao cara Tomos, a molti di noi mancherai!


4 Comments

  1. Rocco Nicoletti via Facebook

    2012/10/27 at 11:34 AM

    Io ho il piaggio BRAVO !!! 🙂

  2. Quanti ricordi tra tomos e califfone…. 😉

  3. Adriano Braini via Facebook

    2012/10/27 at 1:55 PM

    “con cui andare pavoneggiarsi con gli amici in sala giochi.”….ma a quei tempi in Jugoslavia non esistevano le sale giochi!

  4. Andrea Soldano via Facebook

    2012/10/27 at 2:11 PM

    il fifty top,il motorino (elaborato) più veloce mai costruito nella storia dei motorini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in curiosità