Connect
To Top

Sbk Phillip Island 2010: vittoria di Haslam al photo finish in Gara1; Carlos Checa compie l’impresa in Gara2


Haslam vince gara 1 philip island

Lo spettacolo della Superbike non tradisce le aspettative con due manche di gara al cardiopalma nell’appuntamento d’esordio sul circuito australiano di Phillip Island: protagonisti di uno spettacolo avvincente, il Team Suzuki Alstare e la Ducati non ufficiale del Team Althea Racing. Convincono ma non vincono le Ducati ufficiali, tante sorprese, e delusi eccellenti.

GARA 1

È l’inglese Leon Haslam a conquistare il primo passaggio sotto la bandiera a scacchi del Campionato Mondiale Superbike 2010. Confermando le aspettative di un ottimo week end di prove, Haslam conquista la vittoria al photofinish beffando per soli 4 millesimi (record di sempre per il minor distacco tra due piloti all’arrivo) il ducatista Fabrizio, più che convinto di poter vincere dopo un errore, proprio all’ultimo giro, del numero 91 del Team Alstare. Ma Haslam non molla il colpo e conquista un importante risultato per la casa di Hamamatsu a secco di vittorie dal lontano 2008. Terzo protagonista della manche, Nori Haga che rimonta tutte le posizioni perse nella Superpole di ieri, e nonostante una condizione fisica non eccellente (il giapponese è stato tamponato nel Warm Up da Ruben Xaus, a sua volta non al via per un trauma cranico), lotta come al suo solito mettendo in carniere un ottimo podio dietro al compagno di squadra.

photo finish Haslam Fabrizio Phillip Island gara 1

Appassionante anche la lotta per la quarta posizione che ha visto protagonisti Rea e Biaggi. A spuntarla è stato l’inglese della Honda, che oltre al Corsaro, si è messo dietro anche Giuntoli e Checa. Manche da dimenticare, invece, per le Yamaha Sterilgarda, entrambe fuori per un high-side di Toseland al terzo giro ed una scivolata di Crutchlow al sesto. Purtroppo per loro, non andrà poi tanto meglio in Gara 2. A seguire, i primi 10 a tagliare il traguardo.

CLASSIFICA GARA 1

  • 01- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000
  • 02- Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10
  • 03- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10
  • 04- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR
  • 05- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory
  • 06- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000
  • 07- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 F10
  • 08- Jakub Smrz – Team Bata B&G Racing – Ducati 1198 RS
  • 09- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
  • 10- Lorenzo Lanzi – DFX Corse – Ducati 1198 RS

Carlos Checa vince Gara 2 SBK Phillip Island

GARA 2

Carlos Checa, in Gara2, compie un’impresa epica in sella alla Ducati del team Althea, forse favorito da un eccesso di agonismo tra le Suzuki di Haslam e Giuntoli che hanno dominato, scambiandosi ripetutamente le posizioni, quasi tutta la manche di gara. Il pilota spagnolo mette dapprima il sale sulla coda alle Ducati ufficiali infilandosi tra Fabrizio e Haga all’inseguimento delle scatenate Suzuki, dopodiché, passati sia Fabrizio che Giuntoli, si mette dietro gli scarichi di Haslam insidiandone la posizione fino al sorpasso stellare all’ultimo giro che regala al team Althea Racing una vittoria storica. Un colpo di reni magistrale di Carlos Checa che si prende la soddisfazione di troneggiare sulla Ducati Xerox ufficiale, rispettivamente terza e quinta con Fabrizio e Haga.

Haslam, protagonista anche in questa seconda manche di Gara, deve accontentarsi del secondo posto riuscendo comunque a mantenere la posizione sull’agguerrito compagno di squadra Giuntoli, che arriva quarto al traguardo. Suzuki in grande forma, quindi, con due piloti “tosti” che si conquistano meritatamente i riflettori australiani con una promessa implicita: occhio a quei due!

Da segnalare anche la bella prestazione di Troy Corser su BMW che lotta alla grande contro la Yamaha di Toseland, fino al sorpasso, a otto giri dalla fine, che gli frutta la settima posizione all’arrivo.

Tra i delusi di Gara 2, Jonathan Rea, solo sesto, e ancora le Yamaha Sterilgarda, che dopo il disastroso esordio in Gara 1 finiscono appena nona (Crutchlow) e decima (Toseland). Da dimenticare, poi, anche la seconda manche australiana per Biaggi e l’Aprilia, che nell’intero week end di Phillip Island non sono mai riusciti a trovare il feeling giusto per essere competitivi. A seguire, l’ordine d’arrivo dei primi 10 in Gara 2.

CLASSIFICA GARA 2

  • 01-Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 F10
  • 02- Leon Haslam – Team Suzuki Alstare
  • 03-Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10
  • 04- Sylvain Guintoli – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000
  • 05- Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team – Ducati 1198 F10
  • 06- Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda – Honda CBR 1000RR
  • 07- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR
  • 08- Max Biaggi – Aprilia Alitalia Racing – Aprilia RSV4 Factory
  • 09- James Toseland – Yamaha Sterilgarda – YZF R1
  • 10- James Toseland- Yamaha Sterilgarda – YZF R1 


More in Ducati