Connect
To Top

Superbike Donington 2009: doppietta di Spies! L’americano stravince Gara 1 e Gara 2


Il Texano Over The Top! Ben Spies si pappa in un sol boccone i 2 round sul circuito di Donington Park per il GP d’Inghilterra 2009: una doppietta che lancia una decisa spallata alle porte del Mondiale. Biaggi e Haga, dalle stelle alle stalle! 

 

spies_superbike

 

GARA 1

 

Ben Spies pianta una bandieRa a Stelle e Strisce sul traguardo del Donington Park in Gara 1. C’è poco da commentare, quella del pilota americano è stata una performance in regime di monopolio. Una supremazia assoluta sulla prima posizione dal primo all’ultimo giro con il solo Biaggi in grado di annusargli, di tanto in tanto, gli scarichi della moto.  Ma vediamo i primi 10 a tagliare il traguardo:

 

·        Ben Spies – Yamaha World Superbike Team

·        Max Biaggi – Aprilia Racing

·        Noriyuki Haga – Ducati Xerox Team

·        Leon Haslam – Stiggy Racing Honda

·        Shane Byrne – Team Sterilgarda – Ducati

·        Shinya Nakano – Aprilia Racing

·        Jonathan Rea – HANNspree Ten Kate Honda

·        John Hopkins – Stiggy Racing Honda

·        Jakub Smrz – Guandalini Racing

·        Ryuichi Kiyonari – Ten Kate Honda Racing

 

A prova di infarto

Un Max Biaggi come non lo si vedeva da tempo si appiccica con grinta al fast boy Yamaha andandosi a prendere con le unghie un podio atteso da tempo. Eppure, anche questa volta la sua RSV4 non ha mancato di fargli prendere un brutto colpo: a due curve dal traguardo –uscita della “esse” Fogarty– moto che si spegne  (pompa della benzina in avaria) e Max costretto alle magie per farla ripartire e non mandare tutto a monte: un secondo posto a prova di infarto!

Gara 1 proficua anche per Nakano che piazza la seconda Aprilia al 6° posto (peccato che la malasorte si abbatterà pesantemente sulla casa di Noale in Gara 2)

 

Chi si accontenta gode… così così!

Nonostante il terzo gradino del podio, Haga non è riuscito in alcun modo a tenere il passo dei due lì davanti. Non si può dire certo che il suo sia stato un risultato disprezzabile, ma dell’Haga di qualche tempo fa è sembrato di veder “piegare” appena un pallido ricordo. Insomma, vada per Super-Spies, ma almeno contro Biaggi (in sella –lo ricordiamo- all’esordiente RSV4) dal Giapponese della Ducati Xerox ci si aspettava qualcosina in più. Sfortuna nera, invece, per Michel Fabrizio che taglia il traguardo in 12° posizione a causa di un problema tecnico al cambio.

 

HASLAM e BYRNE: il derby della Regina

A dare spettacolo in pista ci hanno pensato i due piloti inglesi che se le sono date di santa ragione per contendersi la quarta posizione in un personalissimo Derby sul circuito di casa.  Il round se l’è aggiudicato il giovane Haslam… e Shakey non l’ha proprio mandata giù: tutto il suo disappunto in un colpo sferrato al cupolino della sua Ducati colpevole di aver accusato problemi all’anteriore che lo hanno limitato durante la bagarre (probabilmente si è trattato di un malfunzionamento delle pasticche dei freni).

 

GARA 2

 

Spies contro Spies. Se la vittoria in Gara 1 è stata schiacciante, quella dell’americano in Gara 2 è stata a dir poco imbarazzante. Di sicuro per gli altri piloti in pista, che si sono visti umiliare con tempi sul giro neanche lontanamente arrivabili. Il risultato finale è un lungo “monologo” corso da Ben, esclusivamente contro se stesso, dal primo all’ultimo giro! A seguire i primi 10 sul traguardo in Gara 2:

 

·        Ben Spies – Yamaha World Superbike Team

·        Leon Haslam – Stiggy Racing Honda

·        Michel Fabrizio – Ducati Xerox Team

·        Shane Byrne – Team Sterilgarda

·        Tom Sykes – Yamaha World Superbike Team

·        Leon Camier – Airwaves Yamaha

·        Ryuichi Kiyonari – Ten Kate Honda Racing

·        Dean Ellison – Airwaves Yamaha

·        Ruben Xaus – BMW Motorrad Motorsport

·        Simon Andrews – MSS Colchester Kawasaki

 

Carambolati eccellenti

A caratterizzare Gara2 sono state soprattutto una lunga serie di cadute che hanno messo fuori gioco molti dei protagonisti in pista. Si parte con Nakano e Biaggi che fino a quel momento stavano andando fortissimo con le loro Aprilia. Il romano sembrava in grado di bissare l’ottimo risultato di Gara 1, mentre Nakano, subito dietro, si trovava in 3° posizione. Insomma, una brutta beffa per la casa di Noale, che si era presentata a Donington con una evidente marcia in più. Ma non è andata meglio a Nori Haga, che quasi in concomitanza con Biaggi, si ritrova protagonista di una spaventosa caduta. Per fortuna nessuna conseguenza seria per lui, anche se questo episodio va a pesare come un macigno sul Mondiale Piloti. La serie di scivolate si chiude con i due fratelli Carlos e David Checa. Una curiosità, tutte gli episodi riportati si sono verificati tra il 3° e il 6° giro.

 

Derby della Regina, atto secondo

Anche in Gara 2 Haslam e Byrne hanno dato vita ad una personale “Gara nella Gara” per la supremazia nel Derby di casa. E ancora una volta, è stato il giovane Haslam ad avere la meglio, conquistando con la sua Honda un preziosissimo secondo posto che gli vale il titolo di miglior pilota britannico per il GP di Donington 2009. Dopodiché, tra i due litiganti… il terzo è Fabrizio, che si infila nell’anglo-bagarre e si mette in tasca un terzo gradino del podio, che alla luce dell’uscita di scena del compagno di squadra Haga, acquista un valore notevole in chiave Mondiale. Un Mondiale Superbike, che mai come adesso, risulta aperto ad ogni possibilità!


3 Comments

  1. Pingback: Infortunio: Noriyuki Haga fuori dal Mondiale Superbike 2009 | Pianeta Riders

  2. Pingback: Superbike Donington 2009: doppietta di Spies! L’americano stravince Gara 1 e Gara 2 | Pagevo Italia

  3. Pingback: Meno grave del previsto: buone nuove per Nori Haga | Pianeta Riders

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Competizioni